Sbarca in Italia la pizza americana di Domino's

Il colosso americano ha inaugurato a Milano il primo punto vendita

Lunedì 5 ottobre ha aperto a Milano il primo punto vendita italiano di Domino’s, colosso Usa della pizza a domicilio, forte di una sua rete di 11.900 ristoranti nel mondo.
A dirigere Domino's Pizza Italia sarà da Alessandro Lazzaroni, 36 anni, master franchisee del brand, e precedentemente manger presso McDonald’s e poi direttore retail per Galbusera.

Il locale milanese non è che il primo di una lunga serie, che continuerà con locali sia di proprietà, sia affiliati. «Domino’s è un brand globale, con una significativa quota di vendite online – afferma Lazzaroni –. Il nostro primo punto di forza è la pizza di qualità, con prodotti Dop, quali il prosciutto di Parma, il gorgonzola, il grana padano e la mozzarella di bufala campana, che acquistiamo da fornitori italiani attentamente selezionati.

“Secondo grande elemento strategico è la tecnologia digitale innovativa che permetterà ai clienti di ordinare anche online così da assicurare una consegna in tempi rapidi come nessuno è in grado di fare in Italia.

“Ciò che proponiamo, in sostanza, è una pizza buona, servita a casa, calda e puntale, che può essere anche ordinata online, a un prezzo molto competitivo». Sono previsti, ovviamente, anche le ordinazioni telefoniche e quelle dirette, nei punti vendita.

Domino’s Pizza fondata nel 1960, è il leader mondiale della pizza a domicilio e ha, come detto, un significativo business nell’asporto. Opera in più di 80 mercati.

Le vendite a livello globale, nel 2014, sono state di 8,9 miliardi di dollari, di cui 4,1 miliardi negli Stati Uniti e 4,8 nel resto del mondo. Nel secondo trimestre 2015 quasi il 97% dei punti vendita Domino’s è gestito in franchising.

Domino’s ha creato un’app per le ordinazioni, installata sul 95% degli smartphone Usa.